La storia

I primi a riconoscere le proprietà terapeutiche delle acque sulfuree che provengono dal vulcano Etna nella contrada Reitana furono i Greci che edificarono anche le prime costruzioni termali denominandole Xiphonie. Di queste ultime vi sono rimaste solo alcuni segni, al contrario dell’impianto termale edificato dai romani a S. Venera al Pozzo che rappresenta oggi una delle attrattive di maggiore interesse archeologico della zona. Nel Medioevo, più precisamente nel II secolo d.c., si diffuse la credenza che il sangue di S. Venera, la patrona di Acireale, con il suo martirio avesse dotato le acque di poteri ultraterreni. Bisognerà però attendere il 19° secolo perché le terme fossero dotate di attrezzature adeguate per ospitare i suoi frequentatori: lo stabilimento di S. Venera (dotato anche di un parco e di un suntuoso albergo, il “Gran Hotel des Bains”) fu edificato a spese del Barone Agostino Pennini di Floristella che lo volle con una splendida facciata di stile neoclassico e fece di Acireale uno dei centri termali più rinomati della Sicilia. Negli anni, quindi, si sono succedute più modifiche strutturali fino al 1987, quando è entrato in funzione il più moderno ed attrezzato Complesso Termale di S. Caterina.

Avvisi

31/03/2017 Sospensione attività
TUTTE LE ATTIVITA' TERMALI ED ALBERGHIERE SONO SOSPESE

News




Terme di Acireale S.p.A. con socio unico in liquidazione - Via delle Terme 61 95024 Acireale (CT) - Tel. 392 1627 849 - Note legali - Privacy
Sito realizzato da GTE